3 maggio - MY/A, nuova rivista digitale dell’Ordine degli Architetti di Prato

PLG_VOTE_USER_RATING

PLG_VOTE_STAR_INACTIVEPLG_VOTE_STAR_INACTIVEPLG_VOTE_STAR_INACTIVEPLG_VOTE_STAR_INACTIVEPLG_VOTE_STAR_INACTIVE
 

Nasce MY/A, la nuova rivista quadrimestrale digitale dell’Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti Conservatori di Prato.

La rivista sarà presentata in forma di mostra giovedì 3 Maggio 2018 dalle ore 18:30 alle 21:30 presso Lato, Piazza S. Marco 13, Prato, con gli autori del primo numero che incontreranno pubblico e stampa. A partire dal secondo numero sarà coinvolto ogni volta uno studio di architettura differente che, utilizzando la formula di “Open Studio”, ospiterà la presentazione e la mostra della rivista, per far conoscere al pubblico - e non solo agli addetti ai lavori - il mondo dell’architettura.

Fortemente sostenuta dalla Presidente dell’Ordine Marzia De Marzi, “la rivista si propone come luogo non solo di informazione ma anche di riflessione sugli aspetti culturali legati al mondo dell’architettura e dell’ambiente” spiega la Presidente, “MY/A ovvero My Architecture è l’obiettivo a cui aspiriamo, sentire propria l’architettura.”

Con MY/A il nostro intento è quello di creare un rivista che non sia rivolta solo agli architetti – aggiunge Lulghennet Teklè, Consigliera dell’Ordine degli Architetti di Prato, curatrice redazionale ed editoriale di MY/A – Quello che stiamo cercando di realizzare è una rivista che abbia al centro la ricerca di temi e linguaggi che siano trasversali a quelli strettamente legati alla professione e che quindi possano coinvolgere e interessare diverse fasce di pubblico. Vogliamo nel tempo dare spazio anche a temi che riguardano la società, l'arte, il cinema, la musica, ovvero a tutto ciò che crea la conoscenza e la coscienza dell’architetto, del quale il progetto architettonico è il termine ultimo.

Il progetto grafico di MY/A, che vede le immagini avere grande rilevanza, è essenziale e pulito. Ogni numero ha un suo tema, un filo conduttore che lega tutti gli interventi presenti.

In questo primo numero dal sottotitolo Passaggi viene declinato il tema delle trasformazioni attraverso i contributi degli architetti Angelo Formichella, Luca Gambacorti, Marcello Marchesini, Gaia Seghieri e dell’artista Giacomo Costa. Inoltre, è presente uno sguardo a cosa succede sul territorio in campo culturale attraverso l’intervista alla nuova direttrice del Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci, Cristiana Perrella, e l’articolo sulla mostra presente al Museo del Tessuto “Marie Antoinette. I costumi di una Regina da Oscar” della curatrice del Museo, Daniela Degl’Innocenti, al quale è affiancato una recensione di Luca Barni del film a cui la mostra si ispira. Il primo numero termina con una vignetta satirica di Alessio Atrei sulla trasformazione della professione dell’architetto.

è importante sottolineare come la rivista nasca grazie all’apporto volontario della redazione che è composta da iscritti all’Ordine che hanno creduto in quest’idea e hanno collaborato nell’identificare gli argomenti da trattare e la grafica. Per questo primo numero: Lulghennet Teklè (Segretario dell’Ordine degli Architetti PPC di Prato - Coordinamento e cura redazionale), Giulia Alfarano, Giada Buti, Federica Cerella, Silvia Gamba, Luca Gambacorti, Eliseba Guarducci, Marcello Marchesini, Antonella Marra, Lucia Caterina Petrà, Gaia Seghieri (Redazione). Federica Cerella (Progetto grafico).

Da giovedì 3 maggio 2018, MY/A sarà consultabile e disponibile sul sito dell’Ordine www.architettiprato.it/rivista-mya/ e inviata attraverso Newsletter (per info. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.).

Search

Prossimi appuntamenti

Recapiti

PIN S.c.r.l. Servizi didattici e scientifici per l’Università di Firenze
Polo Universitario "Città di Prato"
Piazza Giovanni Ciardi, 25 - 59100 Prato (PO) - Italy

T. +39 0574 602500 - E-mail: info@pin.unifi.it - PEC: pin@legalmail.it
Cap.Soc. € 707.339,00 i.v. - Reg.Impr. Prato n.01633710973 - C.F. e P.I. 01633710973

© PIN Scrl - Servizi didattici e scientifici per l'Università di Firenze